Tutti gli articoli presenti in questa sezioni sono stati scritti dal Dott. Stati Felice e in alcun modo reperiti o copiati, anche in parte, da latre fonti. Gli stessi, inoltre, sono stati pubblicati sulla rivista CMAGAZINE.

IL “DIVERSO” NOSTRO VICINO DI CASA

La nostra mente è strutturata per elaborare gli stimoli che riceve dall’ambiente in modo organizzato e ordinato. Noi tendiamo a percepire tutto quello che ci circonda dandogli un senso. Spesso valutiamo le persone esclusivamente per le somiglianze che hanno con noi e ne rifuggiamo le differenze. Questo si chiama: "pensiero prevenuto", ed ostacola profondamente l'emergere di una cultura dell'integrazione creando una cultura rigida, non accogliente che non lascia spazio alla possibilità di integrare chi è "diverso".... > clicca sull'immagine e continua a leggere!

la diversità

ANATROCCOLI O CIGNI?

La favola del brutto anatroccolo è considerata per eccellenza la fiaba sulla diversità. E’ una fiaba molto conosciuta, tanto che l’espressione “brutto anatroccolo” è entrata nel linguaggio comune per indicare un individuo che si crede inadeguato o goffo, peggiore rispetto al gruppo di appartenenza.

Viene considerata una metafora  delle difficoltà che spesso i bambini affrontano durante la loro crescita. Viene loro spesso narrata, poiché si ritiene utile da un punto di vista psicologico, al fine di potenziare l’autostima e far loro accettare eventuali differenze che li dividono dagli altri;... > clicca sull'immagine e continua a leggere!

psicoterapia

IL SOLE E LA LUNA: DUE MONDI CHE S'INCONTRANO

Sin dall’antichità il Sole e la Luna sono sempre stati rappresentati come due parti di un tutto o, come nelle favole dei bambini, sposati. Da sempre il Sole rappresenta il mondo maschile e la Luna quello femminile. Ognuno ha le sue caratteristiche e le sue diversità.

La nostra tendenza è quella di sessualizzare tutto. Quando siamo di fronte ad una nuova nascita chiediamo innanzitutto :"è maschio o femmina?". Dopo una rapida occhiata al nascituro ci diamo una risposta. Da quella risposta deduciamo molte altre cose... .... > clicca sull'immagine e continua a leggere!

Diversità

Share by: